• Cassa Edili ed Affini della
    Provincia di Modena
  • Codice Fiscale: 80 015 510 367
  • Cassa Edili della
    Provincia di Modena
  • Codice Fiscale: 80 000 650 368

Appuntamenti e scadenze

Settembre 2017
L M M G V S D
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 1

Accantonamenti e contributi

 

  1. Accantonamento per ore ordinarie lavorate e festività retribuite
  2. Accantonamento per malattie e infortunio
  3. Accantonamento per ferie
  4. Anticipazione per riposi annui e festività 2 Giugno
  5. Periodo e modalità di pagamento ai lavoratori
  6. Trattenute sindacali
  7. ANCE NAZIONALE - Pagamento Contributo Associativo in regime di "fuori provincia"
  8. Previdenza Complementare. Contributo Contrattuale
  9. Percentuale dei contributi e delle quote di accantonamento
  10. Contributi Casse Edili - Ritenute fiscali
  11. Trattamento previdenziale dei contributi versati alle Casse Edili
  12. Contributi Casse Edili - Conti Correnti
  13. Accordi regionali sulla trasferta


 

1. Accantonamento per ore ordinarie lavorate e festività retribuite

I datori di lavoro sono tenuti ad accantonare presso le Casse Edili gli importi dovuti ai propri dipendenti a titolo di gratifica natalizia, permessi individuali.
Al lavoratore spetta pertanto l'accantonamento lordo, ma l'importo accantonato alla Cassa Edili viene depurato in via convenzionale delle ritenute previdenziali e fiscali e risulta pari al netto convenzionale del salario relativo alle ore di lavoro ordinarie lavorate o retribuite per festività, comprensivo di paga base, contingenza, indennità territoriale di settore e superminimi, edr.
(Per le % lordo/netto consultare la relativa tabella). 
 

2. Accantonamento per malattie e infortunio

Anche per i periodi di assenza dal lavoro a causa di malattia e infortunio i datori di lavoro devono accreditare in busta e accantonare alle Casse Edili, il trattamento di cui al punto 1, calcolato per l'orario contrattuale in atto o per il minor orario previsto dal rapporto individuale di lavoro.
Il trattamento in parola spetta all'operaio non in prova per l'intero periodo di conservazione del posto.
L'accantonamento deve essere fatto per intero anche qualora il lavoratore percepisca il 50% della retribuzione.
 

3. Accantonamento per ferie

Nei periodi di ferie godute e di ferie non godute per interruzione del rapporto di lavoro, matura la gratifica natalizia, e pertanto i datori di lavoro devono accreditare in busta ai lavoratori la relativa percentuale.
 

4. Anticipazione per riposi annui e festività 2 Giugno

In caso di permessi per i quali è prevista la retribuzione, i datori di lavoro anticipano direttamente in busta paga ai lavoratori un importo corrispondente al salario perso.
In occasione della ricorrenza della festività del 2 giugno, i datori di lavoro corrispondono il trattamento economico previsto a norma di legge per le festività, nella misura di 8 ore, più il relativo accantonamento in Cassa Edili. Gli importi di queste anticipazioni (permessi individuali e 2 giugno) vengono recuperati dai datori lavoro sui versamenti mensili alla Cassa Edili e da questa trattenuto ai lavoratori in occasione della liquidazione annuale.

L'anno edile non corrisponde all'anno solare.

Il periodo edile va dal 1° OTTOBRE dell'anno precedente al 30 SETTEMBRE dell'anno in corso.
(es.: ANNO EDILE 2004: DAL 01/10/2003 AL 30/09/2004).

Poiché nella quota netta versata in C.E. a titolo di gratifica natalizia è compresa già la percentuale per permessi e riposi retribuiti, al 30 Settembre di ogni anno edile i permessi non utilizzati si azzerano perché verranno liquidati ai lavoratori con il pagamento che la Cassa Edili invierà nel mese di novembre.
Non ci sono mai, perciò, residui di permessi riferiti agli anni edili passati.

E' buona norma controllare - ogni volta che viene utilizzato un permesso - che ci sia copertura con l'accantonamento positivo versato dal 1° Ottobre fino a quel momento, tenendo conto che la Cassa Edili trattiene già sugli accantonamenti una percentuale relativa alla eventuale delega sindacale firmata dal lavoratore stesso alle 00. SS. territoriali, o una percentuale per adesione contrattuale se non ha firmato la delega.

Chiediamo pertanto la collaborazione delle imprese e dei consulenti, affinché non si verifichi che a novembre, un lavoratore anzichè ricevere il pagamento della gratifica natalizia dalla Cassa Edili, si ritrovi a dover restituire somme di denaro per aver percepito quote di anticipazioni maggiori delle quote accantonate dalle imprese a suo nome.
 

5. Periodo e modalità di pagamento ai lavoratori

La liquidazione dell'Accantonamento viene effettuata dalla Cassa Edili nel mese di novembre di ogni anno. In questa occasione vengono normalmente pagate le somme accantonate per i periodi dall'ottobre dell'anno precedente al settembre successivo.
Le somme poste in pagamento vengono inviate dalle Casse Edili ai lavoratori beneficiari, a mezzo posta, mediante mandato di pagamento C/O Unicredit Banca, o a richiesta dei lavoratori tramite bonifico bancario, accompagnate da una distinta che riporta tutti i dati relativi ai singoli versamenti e anticipazioni dei datori di lavoro e le trattenute sindacali.
 

6. Trattenute sindacali

In occasione della liquidazione vengono trattenute:

  • - ai lavoratori che hanno sottoscritto la delega, un contributo sindacale il cui importo, secondo i calcoli delle Organizzazioni Sindacali, è corrispondente all' 1% del salario;
  • - a tutti gli altri, la quota di adesione contrattuale provinciale, corrispondente allo 0,40% del salario.

Le suddette trattenute, previo ragguaglio della percentuale, vengono calcolate sull'intero importo accantonato, al lordo delle anticipazioni per riduzione d'orario.
 

7. ANCE NAZIONALE - Pagamento Contributo Associativo in regime di "fuori provincia"

Con decorrenza 1/1/2015 è stata sottoscritta tra Ance Nazionale e la Cassa Edili della Provincia di Modena la convenzione per l’affidamento della riscossione del contributo associativo percentuale dovuto all'Ance dalle imprese aderenti ed operanti in regime di "fuori provincia" ai sensi dell’art. 9 dello Statuto dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili.
Il versamento viene effettuato dall’impresa in sede di pagamento della denuncia mensile e viene determinato nella misura pari al 1,3% da calcolarsi sugli elementi della retribuzione imponibili ai fini del contributo Cassa Edili.
 

8. Previdenza Complementare. Contributo Contrattuale

Con decorrenza 1/1/2015 è stato introdotto il nuovo contributo contrattuale da destinare ai Fondi di Previdenza Complementare Prevedi e Fondapi. Il contributo è dovuto per gli operai e per gli impiegati secondo quanto stabilito dai regolamenti pubblicati dai rispettivi Fondi di Previdenza. 

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Vademecum Prevedi
Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Vademecum Fondapi
Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Circolare 22/2015 CONTRIBUTO CONTRATTUALE DOVUTO AL PREVEDI.
Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Circolare 23/2015 PREVIDENZA COMPLEMENTARE. NUOVO CONTRIBUTO CONTRATTUALE DOVUTO A FONDAPI E PREVEDI
 

  

9. Percentuale dei contributi e delle quote di accantonamento

IMPORTANTE : 
Il Contributo dello 0,30% (di cui all’accordo del 3/11/2011) è dovuto dalle aziende fino al mut del mese 09/2015 solo sulle retribuzioni corrisposte ai lavoratori con qualifica Apprendista con le modalità previste per le altre contribuzioni.

A partire dal 01/03/1998 al 30/06/2006, le imprese che al 31 dicembre dell’anno precedente, abbiano occupato fino a 15 dipendenti (nel conteggio devono essere compresi tutti i dipendenti iscritti a libro paga) e nelle quali non siano stati eletti o designati i rappresentanti aziendali alla sicurezza, sono tenute a versare un contributo pari allo 0,15% della massa salari. Dal 01/07/2006 detto contributo è stato fissato nella misura del 0,20%.

A partire dal 01/01/2014 tutte le imprese (indipendentemente dal numero di dipendenti) che non abbiano provveduto alla elezione o alla designazione del Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza Aziendale (RLS) saranno tenute ad affidare dette funzioni al Rappresentante Territoriale con obbligo del versamento alla Cassa Edili del relativo contributo pari 0,20% 

Nuovo contributo minimo APE. 
A partire dalla denuncia relativa al mese di Maggio 2016 (scadenza presentazione Giugno 2016) entra in vigore il nuovo contributo minimo mensile dovuto ai fini APE. Il contributo minimo, fissato per ciascun lavoratore riportato in denuncia nella misura di euro 35,00 NON è un contributo aggiuntivo e NON trova applicazione esclusivamente nei casi di cui alla circolare Cassa Edili 28-2016 del 17/5/2016 
>> LEGGI circolare 28


 

Imprese private

Percentuali contributi
DESTINAZIONE A CARICO AZIENDE A CARICO LAVORATORI TOTALI

APE

3,60%

0

3,60%

Cassa Edili

2,10%

0,40%

2,50%

Ente Scuola e CTP

0,65%

0

0,65%

Contributo lavori usuranti

0,10%

0

0,10%

Quota Prov.le DD.LL.

0,36%

0

0,36%

Quota Naz.le paritetica

0,17%

0,17%

0,34%

Fondo incentivo al lavoro

0

0

0

Totali Parziali

6,98%

0,57%

7,55%

RLST 
(per le imprese senza RLS interno)

0,20%

0

0,20%

Contributo CIG apprendisti valido fino al mut 09/2015 
(solo sulle retribuzioni dei lavoratori Apprendisti)

0,30%

0

0,30%

Contributo Associativo Ance Nazionale
(per le imprese aderenti ad ANCE di fuori Provincia)

1,30%

 

1,30%

Percentuali accantonamento

Gratifica Natalizia

Riposi Annui + 2 Giugno

TOTALE

LORDO

NETTO

LORDO

NETTO

LORDO

NETTO

10%

7,83%

6,075%

4,75%

16,075%

12,58%



 

Imprese Cooperative ADERENTI ALLA LEGACOOP - AGCI  - CONFCOOPERATIVE  DELLA PROVINCIA DI MODENA

Percentuali contributi
DESTINAZIONE A CARICO AZIENDE A CARICO LAVORATORI TOTALI

APE

3,60%

0

3,60%

Cassa Edili

2,10%

0,40%

2,50%

Ente Scuola e CTP

0,65%

0

0,65%

Contributo lavori usuranti

0,10%

0

0,10%

Quota Naz.le paritetica

0,17%

0,17%

0,34%

Fondo Incentivo al Lavoro

0

0

0

Totali Parziali

6,62%

0,57%

7,19%

RLST 
(per le imprese senza RLS interno)

0,20%

0

0,20%

Contributo CIG apprendisti valido fino al mut 09/2015 
(solo sulle retribuzioni dei lavoratori Apprendisti)

0,30%

0

0,30%

Percentuali accantonamento - IN VIGORE DAL 01/10/2008

Gratifica Natalizia

Riposi Annui + 2 Giugno**

TOTALE

LORDO

NETTO

LORDO

NETTO

LORDO

NETTO

10%

10%

6,075%

4,75%

16,075%

14,75%

**Sono escluse dal versamento delle q.te per riposi annui le coop che hanno sottoscritto e/o intendono sottoscrivere accordi per la gestione aziendale dei permessi sopra richiamati. Le coop interessate dovranno darne comunicazione tempestiva alla Cassa Edile per una corretta compilazione dei mut.



 

Imprese Cooperative NON ADERENTI  ALLE ASSOCIAZIONI COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI MODENA

Percentuali contributi
DESTINAZIONE A CARICO AZIENDE A CARICO LAVORATORI TOTALI

APE

3,60%

0

3,60%

Cassa Edili

2,10%

0,40%

2,50%

Ente Scuola e CTP

0,65%

0

0,65%

Contributo lavori usuranti

0,10%

0

0,10%

Quota Naz.le Paritetica

0,17%

0,17%

0,34%

Fondo Incentivo al Lavoro

0

0

0

Totali Parziali

6,62%

0,57%

7,19%

RLST 
(per le imprese senza RLS interno)

0,20%

0

0,20%

Contributo CIG apprendisti valido fino al mut 09/2015 
(solo sulle retribuzioni dei lavoratori Apprendisti)

0,30%

0

0,30%

Percentuali accantonamento

Gratifica Natalizia

Riposi Annui + 2 Giugno

TOTALE

LORDO

NETTO

LORDO

NETTO

LORDO

NETTO

10%

7,83%

6,075%

4,75%

16,075%

12,58%



 

Aziende di fornitura lavoro temporaneo 

Percentuali contributi
DESTINAZIONE A CARICO AZIENDE A CARICO LAVORATORI TOTALI

APE

3,60%

0

3,60%

Cassa Edili

2,10%

0,40%

2,50%

Formazione Professionale

4,22%

0

4,22%

Quota Prov.le DD.LL.

0,36%

0

0,36%

Quota Naz.le Paritetica

0,17%

0,17%

0,34%

Fondo Incentivo al Lavoro

0

0

0

Fondo Sospensione del Lavoro

0,30%

0

0,30%

TOTALI

10,75%

0,57%

11,32%

Percentuali accantonamento

Gratifica Natalizia

Riposi Annui + 2 Giugno

TOTALE

LORDO

NETTO

LORDO

NETTO

LORDO

NETTO

10%

7,83%

6,075%

4,75%

16,075%

12,58%

 

10. Contributi Casse Edili - Ritenute fiscali

IN APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE INTRODOTTA DAL DECRETO LEGISLATIVO N. 314/97, SULLA BASE, DELLE PRECISAZIONI CONTENUTE NELLA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLE FINANZE DEL 4.3.99 N. 55 E TENUTO CONTO DEI RISULTATI GESTIONALI DELLE CASSE EDILI, SI RITIENE DI DARE LA SEGUENTE INTERPRETAZIONE:

1) NON SONO SOGGETTI A IMPOSIZIONE FISCALE (IRPEF), IN QUANTO NON DESTINATI A PRESTAZIONI ASSISTENZIALI, I SEGUENTI CONTRIBUTI:
 

A) contributo A.P.E.,
B) contributo Scuola Edile e C.T.P. formazione professionale,
C) quote nazionali e provinciali,
D) contributo R.S.L.T.,
E) contributo lavori usuranti,
F) fondo sospensione del lavoro

2) RIMANE SOGGETTO A IMPOSIZIONE FISCALE IL CONTRIBUTO CASSA EDILE A CARICO DEL LAVORATORE DELLO 0,40% ED IL CONTRIBUTO CASSA EDILI A CARICO AZIENDA, CON LE MODALITÀ INDICATE NELL'ALLEGATO (vedi sotto).

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 06/2009 al 05/2010

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 06/2010 al 05/2011

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 06/2011 al 04/2012

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 05/2012 al 04/2013

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 05/2013 al 04/2014

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 05/2014 al 04/2015

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 05/2015 al 04/2016

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 05/2016 al 04/2017

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Ritenuta fiscale IRPEF sui contributi versati alle Casse Edili
Dal 05/2017 


  

11. Trattamento previdenziale dei contributi versati alle Casse Edili

I contributi di finanziamento, così come previsto dalle Casse Edili, sono soggetti alla contribuzione del 15% prevista dall’art. 12, c.6, L. n. 153/1969 (così come modificato dall’art. 6, D.Lgs. n. 314/1997). Le relative modalità sono state illustrate dall’Inps nella circolare n. 263/1997 e con msg. n. 6487/1998.
Sono pertanto imponibili ai fini Inps nella sopraccitata misura tutti i contributi versati alle Casse Edili con esclusione delle Quota Naz.le paritetica (0,34%) e Quota Prov.le DD.LL. (0,36%).
 

12. Contributi Casse Edili - Conti Correnti

I versamenti vanno effettuati a partire dalla denuncia di febbraio 2010, entro la fine del mese successivo a cui si riferisce il periodo da versare, tramite banca o conto corrente postale. La denuncia mensile telematica MUT dovrà essere inviata tassativamente entro il 20 del mese successivo. 
Le nostre coordinate sono le seguenti:

 

COORDINATE BANCARIE
CASSA EDILI DELLA PROVINCIA DI MODENA
VIA SANTI 6 -41100 MODENA
TEL. 059/332303 FAX. 059/828268
(AZIENDA CON N° POSIZIONE CHE COMINCIA CON 1)
PAESE CIN EUR CIN ABI CAB NUMERO DI CONTO CORRENTE
IT 13 I 02008 12930 000001172375

BANCA: UNICREDIT BANCA SPA

AGENZIA: SEDE DI MODENA PIAZZA GRANDE


Scarica il documento Scarica il documento - Coordinate bancarie CASSA EDILI DELLA PROVINCIA DI MODENA 

COORDINATE BANCARIE
CASSA EDILI ED AFFINI
VIA SANTI 6-41100 MODENA
TEL. 059/332303 FAX. 059/828268
(AZIENDA CON N° POSIZIONE CHE COMINCIA CON 2)
PAESE CIN EUR CIN ABI CAB NUMERO DI CONTO CORRENTE
IT 98 S 02008 12930 000002863051

BANCA: UNICREDIT BANCA SPA

AGENZIA: SEDE DI MODENA PIAZZA GRANDE

Scarica il documento Scarica il documento - Coordinate bancarie CASSA EDILI ED AFFINI                                                                                                         

13. Accordi regionali sulla trasferta.

  • ANCE - FENEAL/UIL - FILCA/CISL - FILLEA CGIL del 10 giugno 2003 e modifiche del 29/4/2015
  • CNA COSTRUZIONI - CONFARTIGIANATO - COLLEGIO EDILI UNIONAPI - FENEAL/UIL - FILCA/CISL - FILLEA/CGIL del 28 marzo 2008
  • ANCPL - LEGACOOP - AGCI - FEDERLAVORO E SERVIZI - CONFCOOPERATIVE - FENEAL/UIL - FILCA/CISL - FILLEA CGIL del 24 settembre 2003

Le Organizzazioni sindacali e le Associazioni di categoria del settore edile dell'Emilia Romagna, hanno sottoscritto, accordi per l'applicazione del protocollo sulla trasferta previsto dai C.C.N.L.
Gli accordi prevedono la possibilità per un'impresa operante sul territorio regionale, di mantenere la propria posizione contributiva, presso la Cassa Edile di provenienza in caso di apertura di cantieri fuori provincia.
La richiesta avviene compilando ed inoltrando l'apposito modulo "Richiesta Autorizzazione" alla Cassa Edile del luogo dove si svolgono i lavori ed alla Cassa Edile di provenienza.

Scarica il documento Scarica il documento - ALLEGATO: Modulo Unico Richiesta Applicazione Accordi Regionali

Per chiedere l'applicazione dell'Accordo l'azienda deve dimostrare di essere in possesso di specifici requisiti, di seguito riportati:

1. almeno 2 anni di anzianità di iscrizione continuativa alla Cassa Edile di provenienza al momento della richiesta;
2. non avere contenzioso in corso;
3. essere affidatari e/o esecutori dei lavori aventi le caratteristiche previste nei rispettivi accordi sottoscritti in materia.
4. avanzino richiesta di autorizzazione solo per i lavoratori che siano già in forza prima dell'inizio del cantiere (escluso quindi il personale assunto in loco).

Verificati i requisiti, la Cassa Edile di provenienza dell'azienda provvederà a comunicare alla banca dati regionale (B.D.R.) i dati dell'impresa richiedente.
La Cassa Edile del luogo dove si svolgono i lavori, una volta verificati i dati sulla B.D.R., rilascerà l'autorizzazione ad applicare l'accordo inoltrando comunicazione scritta alla Cassa Edile di provenienza ed all'azienda.
L'impresa autorizzata presenterà comunque una sola denuncia mensile comprensiva di tutti i cantieri sia in provincia che fuori provincia di appartenenza.
Le imprese iscritte alle Casse Edili della Provincia di Modena dovranno invece ricordarsi d'indicare sulla denuncia mensile Mut i cantieri per i quali è stato attivato l'accordo regionale.

Per il testo integrale dei singoli accordi vi rimandiamo alla consultazione dei singoli link: